MSI GT70 Dominator Pro: Recensione

Notebook e Ultrabook - Pubblicato il da Antonio Popone

Recensione sul top gamma MSI GT70 Dominator Pro, notebook flagship della casa taiwanese, equipaggiato con Nvidia GTX 880M. Scopriamolo assieme per capire le reali prestazioni in game.

Introduzione - Monitor Test.

Il notebook MSI GT70 Dominator Pro si presenta al pubblico come un top di gamma tra i portatili dedicati ai videogiocatori. Come tutti i notebook MSI, risulta equipaggiato con un enorme numero di features uniche. Il primo impatto che si ha su questo prodotto è di un dispositivo possente, e per quanto rimanga un computer portatile risulta molto pesante e dotato di un enorme spessore. 

Tutto ciò non è un difetto, tantomeno deve stupire, le caratteristiche fisiche del prodotto sono infatti quelle classiche di notebook gaming high-end, in cui le componenti necessitano di un sistema di dissipazione adeguato. Naturalmente da un prodotto simile ci si aspetta il top in fatto di prestazioni, il GT70 Dominator Pro in questo senso non delude per nulla, ma tratteremo questo aspetto nella pagina seguente.

Prima di continuare ecco la scheda tecnica del notebook MSI GT70 Dominator Pro:

Le dimensioni del prodotto arrotondate in eccesso risultano in circa 43 cm di lunghezza per 29 cm di profondità, per uno spessore pari a 5,5 cm. Oltre allo spessore, giustificato come detto in precedenza dall'hardware e dal sistema di dissipazione, larghezza e lunghezza sono le classiche misure di un notebook da 17 pollici. 

L'hardware del GT70 Dominator Pro comprende un processore Intel di quarta generazione i7-4800MQ quadcore da 2,7GHz con TurboBoost a 3,7 GHz. L'altro componente di spicco è senza dubbio la GPU Nvidia GTX 880M chip grafico GK104 con 1536 CUDA Cores e velocità di clock a 954MHz e ben 8GB GDDR5 dedicati.  

Non si può dire che MSI sia scesa a compromessi per questo portatile, infatti, la versione in prova si presenta equipaggiata con ben 32GB di memoria RAM DDR3 con frequenza a 1600MHz, per quanto riguarda lo storage è affidato a due SSD mSATA configurati in RAID0 e gestiti dalla features MSI SuperRaid di seconda generazione in grado di portare la velocità di trasferimento dati sino a 1,5 GB/s. 

La tastiera ed il touchpad sono, come da tradizione notebook MSI, studiati da SteelSeries, mentre nella zona alta è possibile notare i tasti funzione dotati di tecnologia soft-touch e due altoparlanti supportati via software da tecnologia Sound Blaster Cinema. Naturalmente come per tutti i prodotti MSI anche il GT70 Dominator Pro è dotato di una scheda di rete LAN e Wireless KillerLAN Doubleshot, un ricevitore Bluetooth di quarta generazione ed a seguire ben 5 porte USB (tre 3.0 e due 2.0), un'uscita VGA, HDMI, slot per lettura di schede SD, ed i jack 3,5 mm per cuffie e microfono più delle uscite con segnale audio amplificato.

Il GT70 è supportato poi da una batteria molto potente a 9 celle da 7800mAh, questo in parte giustifica il peso considerevole, d'altra parte, però, risulta chiaro che è necessaria una batteria molto performante per supportare un hardware di questo tipo. L'alimentatore esterno assicura una ricarica veloce e una buona stabilità del sistema in regime di erogazione massimo grazie ai 180Watt di potenza.

Monitor MSI GT70 Dominator Pro

Tornando a parlare delle dimensioni del notebook, i 17,3 pollici contengono nella parte interna alta un monitor Full-HD 1920x1080p con tecnologia Anti-Glare, abbiamo effettuato alcuni test per testare la qualità del monitor.

Oltre alle sensazioni ed i feedback che un recensore può esporre ai propri lettori si rende necessario effettuare anche delle verifiche tecniche che possano dare un risultato numerico tangibile. Le impressioni principali sono di un monitor slim Full-HD, con un tempo di risposta molto veloce, e una brillantezza della luminanza e del contrasto davvero perfetta, da segnalare anche una piccola tendenza ai colori freddi, e una percezione di una luminanza non proprio uniforme non molto evidente (più alta alla base del display, più bassa verso l'alto). Verifichiamo attraverso la strumentazione di Datacolor le specifiche del monitor. La strumentazione sarà quella dello Spyder4Elite.

Spyder4 elite dispone di un sensore Full-spectrum 7 brevettato, in grado di calibrare ed analizzare con precisione una varietà di un'ampia gamma di schermi normali, consente inoltre grazie al software allegato al dispositivo di utilizzare lo stesso sensore per calibrare gli schermi di computer, proiettori, televisori (con l'acquisto del Spyder4 tv hd cross-grade), oltre a iPad, iPhone e dispositivi Android (con l'app free Spyder-gallery). Lo strumento oltre che adatto per le analisi sui monitor è indicato per fotografi, designer e professionisti di imaging che possono lavorare tranquillamente su uno schermo correttamente calibrato sui colori e possono esercitare un maggiore controllo sulla fedeltà del colore già nel processo digitale.

Ecco i risultati dei test effettuati:

I primi test sulla gestione dei profili colore più utlizzati (sRGB e ADOBE RGB), hanno dimostrato una perfetta calibrazione del monitor per la gestione dei profili sRGB più comuni atti alla visualizzazione di informazioni cromatiche via monitor. Una percentuale molto minore, invece, per il profilo ADOBE RGB, solo il 74%, ma tali valori si riferiscono a dati utili per lo più su monitor di tipo professionale e non è il caso del GT70. La risposta tonale su Gamma 2.2 è risultata buona, per quanto riguarda invece l'uniformità cromatica come ci è capitato ormai sui notebook MSI risulta di ottimo livello, un pò meno l'uniformità della luminosità, anche in questo caso come capita per la maggior parte dei monitor notebook si hanno molte differenze tra le zone del display, in questo caso si passa da una luminosità più alta in basso al monitor con un calo andando verso l'alto.

Il risultato finale decretato dal software diagnostico Datacolor mostra un voto di tutto rispetto per il monitor, ovvero 4 punti su 5. 

Passiamo al vivo delle nostre analisi con i risultati dei benchmark in campo gaming. 

Introduzione - Monitor Test Benchmark Temperature Batteria →
comments powered by Disqus