AMD FirePro W9100: Recensione

Workstation - Pubblicato il da Antonio Popone

Recensione, analisi, test ed impressioni sull'ultima arrivata in casa AMD in fatto di schede grafiche professionali, ovvero la AMD FirePro W9100. Analizziamo questo prodotto di altissimo spessore per capire sino a che punto questa scheda grafica può essere sfruttata.

 

Recensione AMD FirePro W9100.

Lo scorso Marzo 2014 AMD, a due anni di distanza dal lancio della FirePro W9000, ha presentato la scheda grafica per il settore professionale, la FirePro W9100. Nonostante il nome rimanga legato ad una nomenclatura già nota, la nuova scheda grafica presenta di fatto un netto aggiornamento sia sull'architettura fisica che nella gestione firmware e software.

La nuova scheda grafica risulta essere basata come per le sorelle consumer R9 290 ed R9 290X sull'architettura Hawaii. Parliamo di un'architettura già ben descritta, in questo caso però adattata per poter asservire alle esigenze del cliente professionale.

La AMD FirePro W9100 si presenta come anticipato con una GPU Hawaii dotata di tutti i 2816 Stream Processor, una banda di memoria della larghezza di 320 GB/s ed una quantità di memoria RAM molto alta 16GB GDDR5 superiore a qualunque altra scheda grafica professionale top-end, la diretta rivale Nvidia Quadro K6000 infatti si ferma a 12GB. 

La quantità di uscite video è stato sempre un punto in più rispetto alle rivali di casa Nvidia, se con la W9100 si può contare su un supporto di ben 6 uscite mini-DisplayPort 1.2, la Quadro K6000 si ferma a sole due uscite DP 1.2.

C'è naturalmente anche da considerare che nel caso delle soluzioni Nvidia esistono sistemi differenti per gestire grandi quantità di uscite video, da abbinare alla scheda grafica Quadro. Tuttavia nel caso delle schede AMD il cliente potrà avere il tutto unicamente all'acquisto della scheda grafica, senza aggiunte.

Di seguito le specifiche tecniche della FirePro W9100:

Quando si parla di schede grafiche professionali, ci si chiede quale sia poi di fatto la differenza con le schede video consumer, se è vero che la GPU sia nelle Nvidia Quadro sia nelle AMD FirePro è identica alle proposte top-end consumer. È altresì vero che le GPU pro-consumer sono dei chip fortemente testati e adatti a durare per lungo tempo anche sotto stress continui, a ciò si aggiunge il supporto del firmware pensato per gestire dei driver a loro volta perfezionati all'utilizzo di determinati software, un'enorme quantità di memoria RAM integrata, fondamentale nel campo professionale, oltre che un supporto 24h e 7 giorni su 7.

In poche parole il processo di ottimizzazione e di partenariato a lungo termine è quello che poi sostanzialmente suddivide il mercato dei prodotti dedicati alle workstation a quello dei consumatori. In questo campo salvo esigenze specifiche Nvidia ha sino ad ora dominato, e tale dominio è dovuto principalmente alla migliore adattabilità delle librerie CUDA Nvidia nel calcolo GPGPU ed in generale in tutti quei processi di calcolo che possono essere velocizzati tramite l'accelerazione grafica. AMD ha negli ultimi anni concentrato il perfezionamento delle proposte pro-consumer sulla duttilità delle uscite video e sul lavoro in ambiente OpenGL.

All'annuncio di due anni fa delle nuove FirePro WSeries, AMD si indirizzò verso l'accelerazione grafica con le librerie OpenCL, ma di fatto però salvo benchmark specifici non era possibile utilizzare a pieno tale accelerazione, in parte per incompatibilità tra software e schede, in parte per un'insufficiente ottimizzazione driver.

Con l'arrivo della FirePro W9100 si sono visti enormi miglioramenti su entrambi i fronti sovracitati. Ad oggi pur rimanendo ampi margini di miglioramento, le schede video FirePro risultano compatibili con un numero sempre maggiore di applicativi professionali in grado di sfruttarne la potenza di calcolo.

Nonostante il mercato indichi sul settore professionale un'alta percentuale di schede grafiche professionali Nvidia, circa l'82% se si guarda esclusivamente alle Workstation Windows e Linux, sembrerebbe che AMD possa rientrare pienamente in partita, a patto che questi accenni positivi lascino spazio ad uno sviluppo ed una compatibilità sempre migliore con i software di lavoro.

Un altro aspetto oggetto dello sviluppo per la FirePro W9100 è stata la compatibilità e la versatilità in ambiente 4K con un lavoro via software con risoluzioni Ultra-HD 3840x2160p: in questo caso si è sviluppato un apposito e rinnovato pannello di controllo AMD Catalyst Center Pro, aggiungendo voci quali ad esempio le risoluzioni completamente personalizzabili, qualcosa di inedito per la casa statunitense.

Di tutte le novità proposte da AMD certamente ciò che interessa maggiormente sarà sfruttare la potenza di calcolo Hawaii tramite accelerazione grafica OpenCL.

Test Benchmark AMD FirePro W9100

Per effettuare tutti i nostri test abbiamo utilizzato la Workstation di test della redazione, la TechPro.

Di seguito la suite di test:

1) SpecPerfView 11;

2) SpecPerfView 12;

3) Blender Cycles Render, render di due scene tramite la modalità di computo in OpenCL;

4) LuxMark: Render di due scene utilizzando il computo GPU tramite librerie OpenCL;

5) Adobe Photoshop CC: Applicazione di effetti utilizzando l'acceleratore grafico Mercury Graphics Engine su immagine di grandi dimensioni.

6) Adobe PremierPro CC: Rendering dell'intera area di lavoro utilizzando l'acceleratore grafico Mercury Playback Engine (modalità OpenCL);

7) Temperature e consumi.

 

Iniziamo con i risultati effettuati utilizzando SpecPerfView 11, software che valuta le prestazioni della scheda in ambiente OpenGL:

Passiamo ad i test effettuati utilizzando SpecPerfView 12, software anche questo che valuta le prestazioni della scheda in ambiente OpenGL:

Spostiamoci adesso sul computo in fase di rendering tramite OpenCL. Iniziamo con due scene su Blender utilizzando il motore Cycles Render, poi su due scene LuxMark:

Blender

 

LUXMARK

*Il valore espresso è un punteggio finale che il programma darà alla gpu. Maggiore è il punteggio, maggiore sarà la potenza della gpu.

 

 

Passiamo ora alle analisi sulla velocità di calcolo della AMD FirePro W9100 su applicazione di effetti in immagini e rendering video, rispettivamente su Adobe Photoshop tramite Mercury Graphics Engine e su Premier Pro tramite Mercury Playback Engine:

 

Adobe Photoshop: (immagine originale 8000x6000 pixel)

Il primo test ha previsto l'analisi dei tempi di applicazione di un'azione automatica appositamente creata per il test, e l'azione ha previsto l'utilizzo simultaneo di applicazione filtri di sfocatura o blur, in particolare i filtri seguenti:
- Sfocatura Diaframma;
- Scostamento inclinazione.

Il secondo test ha previsto l'analisi dei tempi di applicazione di un'azione automatica appositamente creata per il test, e l'azione ha previsto l'utilizzo di uno tra i filtri più complessi da applicare, ovvero il Fluidifica.

 

Adobe Premier Pro: è stato compilato un progetto in FULL HD a 25 fps di circa, il video è stato ridimensionato e ripetuto su più finestre con un ritardo sempre maggiore nella timeline, ogni finestra presenta l'applicazione di alcuni filtri che sfruttano l'accelerazione hardware.

In ultimo è stato effettuato un Rendering di tutti gli effetti video del progetto e preso nota dei tempi di computing.
Ecco la lista degli effetti utilizzati per il video:

- Correzione gamma;
- Regolazione Alfa;
- Passata colore;
- Sfocatura Gaussiana;
- Correttore Luma;
- Curva Luma;
- Luminosità e contrasto;
- Bianco e nero;
- Correttore colore a tre vie;

I risultati ottenuti nei vari benchmark dimostrano innanzitutto che le FirePro ed in particolare la W9100, grazie al lavoro svolto dai tecnici sui driver, sono adesso predisposte per l'accelerazione hardware tramite le librerie OpenCL senza problemi di alcun tipo, l'unico problema riscontrato è stato quello nei test di render tramite V-Ray RT plugin installato su 3D Studio Max, in questo caso purtroppo abbiamo constato un'incompatibilità tra software e scheda grafica, e ciò ha di fatto reso impossibile testare la scheda su tale ambiente.

Seppur con un divario leggermente inferiore rispetto a quanto dichiarato da AMD, nella presentazione di Marzo 2014 la FirePro W9100 è decisamente superiore alla Nvidia Quadro K5000 e risulta essere perciò una diretta rivale della top gamma Nvidia ovvero la Quadro K6000 di cui attualmente non abbiamo dati per un confronto. A ciò aggiungiamo che dal nostro punto di vista la W9100 possa offrire anche maggiori prestazioni con qualche miglioramento driver futuro.

Temperature e consumi

Di seguito sono riportate sia le temperature registrate in fase di lavoro che i consumi del sistema totale:

Le temperature registrate sono alte ma non è una novità per quanto riguarda le FirePro di fascia alta, che sono studiate per poter lavorare a range di calore superiori rispetto ai prodotti rivali Nvidia. Per quanto riguarda i consumi invece abbiamo sicuramente un bilanciamento più che soddisfacente, se si pensa che per ottenere prestazioni simili con una R9 290X i valori sarebbero decisamente più alti possiamo affermare con certezza che sia il firmware sia i driver dedicati AMD Catalyst Pro danno un'efficienza molto alta. 

banner amazon

In conclusione della recensione possiamo affermare che la AMD FirePro W9100 si pone dopo anni di dominio Nvidia come una valida alternativa alle schede grafiche professionali Quadro. Seppur vi siano ancora margini di miglioramenti AMD sembra aver intrapreso il percorso giusto per il settore pro-consumer. Il prezzo della scheda e di circa 3.450€ (prezzo medio sul mercato), un costo molto alto ma senza dubbio inferiore al top-gamma Nvidia che super ben oltre i 4000€.

Si ringrazia Sapphire per il sample ricevuto.

Recensione AMD FirePro W9100
comments powered by Disqus