Intel Atom E3900: più potenza per l'IoT!

Processori - Pubblicato il da Mattia Speroni

Intel toglie il velo alla sua ultima serie di processori Intel Atom dedicati al mondo dell'IoT (Internet delle Cose): con la serie E3900 troviamo più potenza, minori consumi e più sicurezza. Pronti per il futuro.

Intel Atom E3900 Series.

Intel-e3900

Intel toglie i veli all'ultima novità del suo portfolio dedicato al mondo dell'IoT (o Internet of Things o ancora Internet delle Cose): si tratta della serie Atom E3900 che si compone di diverse soluzioni che portano tutte a un incremento prestazionale ma anche a diversi miglioramenti architetturali puntando così a realizzare in maniera concreta un miglioramento per quello che sarà un mercato potenzialmente molto interessanti che ha già mostrato la propria forza proprio in questi giorni. In particolare ci riferiamo all'ultima serie di attacchi DDoS dove proprio l'IoT è stata parte del problema con i malintenzionati che hanno sfruttato questi nuovi apparecchi "intelligenti" per mettere in ginocchio servizi del calibro di Netflix, Twitter, etc..

Intel e l'IoT: si guarda al futuro

Intel-IoT

Intel ha puntato e sta puntando in maniera incisiva verso l'IoT prospettando un futuro interessante in termini di sviluppo e di vendite (che ovviamente interessano il colosso di Santa Clara) cercando di soddisfare quelle che sono le esigenze complessive di un sistema sempre più connesso, sempre più "smart" e che ha bisogno di soluzioni dedicate in ogni singolo passaggio della catena. La società statunitense ha così realizzato processori Atom e Quark dedicati proprio all'IoT e all'automazione industriale, Atom, Core e Xeon per soluzioni di FOG computing e il networking mentre per il cloud computing ci si affida a processori Xeon. Come ha riassunto Intel stessa, si tratta quindi di creare una posizione di mercato basata su soluzioni verticali attraverso prodotti e piattaforme orizzontali per realizzare nel complesso un ecosistema completo (ovviamente basato su soluzioni Intel).

Intel Atom E3900 Series

Intel-SoC-Atom

Creare però la soluzione perfetta non è sempre possibile e bisogna venire ad alcuni compromessi bilanciando quelli che sono gli aspetti tecnici con quelli che sono gli aspetti economici e di mercato. Per fare alcuni esempi, dal punto di vista tecnico si cerca l'interoperabilità e la possibilità di analisi dei dati mentre dal punto di vista economico il mercato richiede soluzioni scalabili e che abbiano un buon valore di mercato. In mezzo invece troviamo la ricerca di una latenza sempre minore, integrazione con le piattaforme e infine non si può prescindere dalla sicurezza. E' su tutta questa serie di principi che ci si è basati per realizzare la nuova serie Intel Atom E3900. Ma a quali mercati e a quali applicazioni sono l'obiettivo di Intel per questa serie di processori?

Per esempio i nuovi SoC potranno essere impiegati per il mercato automotive che sta diventando sempre più complesso con automobili che si connettono tra loro, guida autonoma su vari livelli, possibilità di gestire flussi di informazioni sempre più complessi su più display e gestione dei sensori di bordo (in questo caso i processori saranno chiamati Intel Atom A3900). Ma i nuovi processori possono essere anche impiegati in caso di sistemi di automazione con soluzioni che devono essere scalabili per poter gestire sia ingrandimenti delle linee produttive, migliorare le prestazioni nelle varie fasi, gestire flussi di lavoro in tempo reale, gestione PLC, gestione remota delle attività, gestione flussi video di videocamere industriali e migliorare la sicurezza. Infine la video sorveglianza (videocamere IP) con soluzioni scabili, miglioramenti prestazionali in termini di risoluzione, analisi dei dati ripresi per ulteriori studi, processazione in tempo reale dei flussi video, network video recorder  e capacità di encoding sempre più estese (in questi ultimi esempi invece saranno Intel Atom E3900).

Intel Atom E3900 Series: i dettagli dei miglioramenti

Intel-technology

Dopo una visione generale di quella che è stata l'idea alla base dello sviluppo di questo nuovo processore dedicato all'IoT è il momento di entrare nel vivo di quelli che sono stati i miglioramenti per quanto riguarda Intel Atom E3900: la società statunitense ha voluto incrementare le prestazioni complessive della CPU, migliorare le prestazioni della GPU permettendo di gestire fino a tre schermi grazie anche alle 18 EU mentre i coding/decoding in hardware migliora la velocità complessiva sgravando la CPU da questo compito. All'interno del SoC troviamo un'unità di elaborazione delle immagini programmabile, un miglioramento della qualità complessiva delle immagini fornite con supporto anche a elaborazioni come l'HDR. Per quanto riguarda l'automazione, con Intel Atom E3900 interviene un sistema di riduzione e sincronizzazione della computazione attraverso la rete che permette di arrivare ad avere timing nell'ordine dei 1 uS (TCC Technology).

Dal punto di vista prestazionale, Intel Atom E3900 ha visto un miglioramento prestazionale e secondo i dati forniti dalla società scopriamo che dal punto di vista computazionale le prestazioni sono cresciute di 1,7 volte se si prende come riferimento la famiglia Atom E3800 mentre le prestazioni grafiche sono cresciute di 2,9 volte (come benchmark in questo caso è stato usato 3D Mark 11 Performance). Ci sono poi tre soluzioni all'interno della famiglia Atom E3900 che si distinguono per le caratteristiche tecniche e per il prezzo di vendita. In particolare troviamo (nell'immagine successiva c'è un dettaglio delle specifiche e delle differenze):

  • Intel Atom x5-E3930
  • Intel Atom x5-E3940
  • Intel Atom x7-E3950

Intel-Atom-Spec

Come si può notare tra il modello più potente e quello meno potente le differenze riguardano il numero di core integrati all'interno del processore, quanti thread è in grado di gestire simultaneamente e le frequenze operative. Ovviamente questo porta anche a una modifica del TDP (Thermal Design Power) associato a ogni unità con la punta che è pari a 12 W mentre è interessante notare come Intel abbia posto particolare attenzione alla capacità di resistere a condizioni di temperatura estreme questi nuovi Atom E3900 con la possibilità di arrivare dai -40°C fino a 85°C così da permettere ai computer di poter operare in condizioni di freddo o caldo estremo (basti pensare ad automobili lasciate all'aperto, turbine eoliche, stazioni di rilevamento, etc.).

Tornando a parlare delle prestazioni dal punto di vista grafico, i nuovi Intel Atom E3900 possono gestire fino a tre schermi contemporaneamente con una risoluzione fino a 4K/UHD e fino a 60 fps. Si tratta ovviamente di soluzioni non pensate per l'attività ludica ma che invece devono essere inquadrate in un'ottica di tipo lavorativo sia per visualizzare più informazioni contemporaneamente sia per permettere di gestire flussi video per video-sorveglianza o video analisi. Il top-di-gamma, come scritto sopra, può contare su 18 EU (unità di elaborazione) che scendono di numero per i modelli inferiori ma sono comunque tutte basate su soluzioni grafiche di nona generazione a basso consumo con supporto a DirectX 12 e OpenGL 4.2.

Intel-GPU

Un'altra tecnologia di cui abbiamo già parlato in precedenza e che è stata integrata nella nuova serie Intel Atom E3900 e più precisamente quella che abbiamo chiamato TCC Technology (acronimo di Time Coordinated Computing) che permette di avere timing di 1 uS sulla rete consentendo così di far operare più velocemente e più accuratamente catene automatizzate di vario genere. I punti chiave di questa tecnologia risiedono sia all'interno che all'esterno del SoC dove troviamo sottosistemi che gestiscono il Global Time Aware che si interfacciano poi (tramite connessioni PCI-E) a soluzioni dove avviene una misurazione precisa del tempo sia attraverso la scheda ethernet (802.3) fino ad arrivare al dispositivi collegati a un Time Sensitive Network.

Intel-Atom-Security

Come abbiamo detto poi in apertura, la sicurezza riveste un ruolo fondamentale anche per l'IoT e così anche la serie Intel Atom E3900 ha subito alcune migliorie e aggiornamenti da questo punto di vista. E' possibile sin dal boot evitare che malware possano danneggiare il sistema, gestione dei DRM anche su HDCP 2.2 wireless, supporto per Intel TPL su Linux e supporto per tecnologie di crittografia in hardware con SHA-NI e RD-RAND. A livello di commercializzazione, ci saranno 33 partner pronti a lanciare soluzioni che sfruttano questi nuovi processori già da oggi mentre saranno complessivamente 48 i produttori pronti a sfruttare questa nuova piattaforma.

Intel Atom E3900 Series
comments powered by Disqus