Nuovi iPhone 6S ed iPhone 6S Plus

Smartphone e tablet - Pubblicato il da Pierpaolo Regnante

Apple ha presentato i nuovi iPhone 6S ed iPhone 6S Plus, dove essenzialmente nulla sembra essere cambiato dall'esterno, ma dove c'è stato un corposo passo in avanti riguardo ad usabilità e nuove caratteristiche sotto il cofano!

Caratteristiche.

Durante l'ultimo Keynote, Apple ha presentato nuovi prodotti e tecnologie, in questo articolo però ci focalizzeremo sui nuovi iPhone 6S e iPhone 6S Plus. Su questi infatti si sono concentrate le maggiori attenzioni in quanto l'azienda di Cupertino è riuscita ad inserire nuove features uniche nel suo genere che puntano a migliorare l'esperienza utente.

Nuovi iPhone 6S e iPhone 6S Plus

Dall'esterno non sembra vi siano stati cambiamenti degni di nota, ed anche un occhio esperto avrebbe difficoltà ad individuare il nuovo modello rispecchio al precedente, le misure infatti sono pressochè simili per entrambe le versioni, con incrementi impercettibili nell'ordine del decimo di millimetro, praticamente impossibili da distinguere ad occhio nudo.

A cambiare, come anticipato, è ciò che sta all'interno, parliamo dunque di nuove componenti hardware e un software ottimizzato per questa versione che sfrutta le peculiarità esclusive dei nuovi iPhone 6S e 6S Plus. Iniziamo dunque analizando prima i cambiamenti fisici.

iPhone 6S e 6S Plus - Cambiamenti hardware

Non vogliamo tirare questo articolo troppo per le lunghe, inizieremo perciò con la novità principale, ossia la tecnologia 3D Touch, introdotta per la prima volta sui nuovi MacBook, la ritroviamo adesso riportata sugli schermi dei nuovi iPhone. Questa nuova feature permette all'iPhone 6S di riconoscere l'intensità della pressione esercitata sullo schermo, consentendo così agli sviluppatori di realizzare nuove funzioni che, come vedremo, si traducono in un utilizzo più immediato e funzionale del dispositivo.

Ma come funziona il 3D Touch?

3d touch

A spingere questa nuova feature sono principalmente dei nuovissimi sensori capacitivi, integrati nella retroilluminazione del display Retina HD, che misurano le micro-variazioni nella distanza tra la superficie di vetro e la zona dedicata alla retroilluminazione. Le informazioni registrate vengono poi combinate con i segnali forniti dal sensore tattile e dall'accelerometro, in questo modo la pressione esercitata viene riconosciuta in modo assolutamente preciso.

Ad essere migliorata, poi, è anche un componente cruciale ma spesso ignorato o dato per scontato, ossia il motorino della vibrazione, importante non solo per segnalare notifiche o chiamate, è fondamentale infatti per restituire un feedbak tattile preciso e piacevole quando digitiamo sulla tastiera a schermo. Apple ha sostituito i tradizionali motorini rotatori, che con una discrepanza nel posizionamento di un cilindro sull'albero motore elettrico producevano una vibrazione ad ogni giro.

taptic engine

Secondo Apple questo sistema richiedeva circa 10 rotazioni per restituire un feed efficace, ed è stato perciò sostituito con il nuovo Taptic Engine, un nuovo sistema simile ad una molla in grado di raggiungere il picco di efficienza in un solo ciclo. Questo si traduce in feedback tattili più precisi, netti e veloci.

“Con iPhone 6s e iPhone 6s Plus abbiamo cambiato una sola cosa: tutto. 3D Touch consente agli utenti di interagire con l’iPhone in modi nuovi e divertenti, e con l’innovativo Live Photos le vostre immagini prendono vita,” ha dichiarato Philip Schiller, Senior Vice President Worldwide Marketing di Apple."

Continuando con l'analisi delle differenze hardware troviamo il nuovo System On a Chip Apple A9, un triple-core operante a 1.51 GHz che promette prestazioni superiori al precedente modello del 70% per quanto concerne la CPU e del 90% per quanto riguarda la GPU, dati che fanno capire quanto Apple stia spingendo nella produzione di chip sempre più potenti ed efficienti, senza necessariamente correre dietro all'attuale tendenza ad aumentare il numero di core. Quest'anno, inoltre, i nuovi iPhone 6S sono dotati di 2 GB di memoria RAM invece che uno.

 

Anche nei nuovi iPhone 6S e iPhone 6S Plus non manca il coprocessore, giunto alla versione M9, che si occupa di gestire tutte le informazioni provenienti dai sensori, in modo da ottimizzare l'autonomia sgravando il SoC principale da questo compito. Sfruttando tale soluzione è possibile, per esempio, mantenere il riconoscimento del comando "Hei Siri" sempre attivo senza diminuire eccessivamente la vita utile della batteria.

Continuando con le novità hardware ci spostiamo ora ad analizzare il comparto multimediale, troviamo infatti una nuova fotocamera principale da 12mpx con pixel da 1,22 micron e diaframma con apertura f/2.2, e nel modello di iPhone 6S Plus troviamo anche la stabilizzazione ottica dell'immagine sia per le foto che per i video. Come al solito troviamo poi presente il True Tone Flash.

La vera novità, oltre all'aumento di pixel, è data dalla possibilità di registrare finalmente video in formato 4K a 30 fps, e registrare video con effetto moviola in 1080p a 120 fps o in modalità 720p a 240 frame al secondo. 

Per quanto concerne la fotocamera frontale, questa passa ad una risoluzione di 5 megapixel e sfrutta lo schermo Retina HD come flash True Tone in condizioni di scarsa illuminazione per assicurare selfie di qualità. 

Nei nuovi iPhone troviamo poi un migliorato sensore per le impronte digitali, il doppio più veloce rispetto al precedente, il quale permetterà agli utenti di sbloccare in modo ancora più reattivo il proprio terminale, riducendo allo stesso tempo i mancati riconoscimenti.

Su questo fronte dobbiamo ammettere che Apple ha fatto da apri fila nel settore, non nel senso che sono stati i primi ad avere questa idea, ma sono stati i primi ad implementarla con standard qualitativi adeguati ad un utilizzo quotidiano.

Altra miglioria riguarda una nuova lega d'alluminio utilizzato per la scocca, chiamata "serie 7000", la stessa a detta dell'azienda, utilizzata nel settore aerospaziale. Questa mossa, secondo il nostro parare, è stata dettata dal fatto che negli ultimi anni i casi di "bend gate" hanno suscitato scalpore, e l'azienda è così corsa ai ripari con una nuova lega più resistente che dovrebbe arginare eventuali problemi legati ad utenti sbadati che si siedono sopra al proprio dispositivo.

Concludiamo la carrellata di novità fisiche con ciò che riguarda la connettività, i nuovi iPhone sono infatti dotati di 4G LTE Advanced e WiFi AC con tecnologia Mimo, due particolarità che rendono questo uno tra gli smartphone più veloci sul mercato per quanto riguarda le caratteristiche Wireless. L'azienda ha poi specificato che il modulo radio è capace di gestire ben 23 bande LTE, rendendolo di fatto un perfetto compagno di viaggio per chi si trova spesso a dover usufruire del roaming dati.

Per quanto concerne l'autonomia Apple non ha dichiarato nulla a riguardo, lasciando intendere che le prestazioni in questo senso risulteranno invariate rispetto ai precedenti modelli. Passiamo ora ad analizzare le novità sul fronte software.

iPhone 6S e 6S Plus - Novità Software

Le novità principali nascono principalmente dall'introduzione del 3D Touch, grazie al riconoscimento della pressione sono state introdotte in iOS 9 nuove "scorciatoie" che renderanno l'utilizzo delle app e del sistema in generale più immediato. 

Con una pressione prolungata sulle icone nella home screen, ad esempio, comparirà un menù a tendina con funzioni specifiche per ogni app, mediante le quali potremo eseguire determinate azioni in modo più veloce senza dover necessariamente andarle a cercare aprendo l'applicazione.

Scattare un selfie ad esempio basterà premere un po' più energicamente sull'icona della fotocamera e selezioanre la voce "scatta selfie", senza dover appena aprire la fotocamera, impostare la fotocamera frontale e successivamente scattare.

Premendo sull'icona dei messaggi potremo scrivere direttamente un nuovo messaggio o aprire la chat con i contatti preferiti, in Mappe, invece, potremo contrassegnare la nostra posizione con un semplice tocco, per trovare ad esempio la propria macchina in immensi parcheggi, o cercare attività commerciali nelle vicinanze. Sull'icona del telefono invece potremo aggiungere dei contatti principali per averli sempre a portata di mano e così via, ogni applicazione infatti è stata dotata di funzionalità uniche.

Seconda grande novità sul fronte software riguarda la funzione "Live Photos", molto simile a "Zoe" di HTC, questa feature infatti si occupa di catturare qualche scatto prima e dopo aver scattato la vera foto, creando così delle animazioni da rivivere tenendo premuta una foto nella galleria. Queste prenderanno vita come se si trattasse di un mini video (ed Apple ha specificato che non lo è, sono solo scatti in rapida sequenza) di un paio di secondi.

Tale funzione è attiva di default sui nuovi iPhone e non intacca la velocità di scatto delle foto in quanto il tutto è automatizzato e praticamente indistinguibile dall'utente, il quale non troverà differenze tra la modalità Live Photos e quella normale.

Ultima novità di rilievo sul fronte software riguarda una nuova applicazione "Passa a iOS" pubblicata sul Play Store di Google che permette di trasferire da Android ad iOS conttatti, calendari, foto e dati reputati importanti.

iPhone 6S e 6S Plus - Prezzi, disponibilità e considerazioni

I nuovi iPhone 6S ed iPhone 6S Plus saranno disponibili al preordine dal 12 settembre e in vendita dal 25 settembre nei tagli di memoria 16, 64 e 128 gigabyte. Sfortunatamente questa volta l'Italia non rientra tra i paesi di lancio e bisognerà un po' di più per procedere all'acquisto

Per quanto concerne i prezzi, in Francia e Germania in cui potrà essere acquistato da subito, troviamo un prezzo base per l'iPhone 6S rispettivamente di 749 euro e 739, il quale aumenta a 859 e 849 per la versione 64 gigabyte, fino ad arrivare a 969 e 959 per il modello da 128. L'iPhone 6S Plus, invece, costerà 859, 969, e 1079 euro in Francia, con prezzi di 10 euro inferiori per ogni modello in Germania

Ipotizziamo dunque, a causa della maggiore tassazione, che in Italia iPhone 6S costerà 779, 889 e 999 euro, mentre l'iPhone 6 Plus costerà rispettivamente 889, 999 e 1109 euro. L'attuale line-up di Apple mantiene però a catalogo l'iPhone 5S come modello base a 529 euro, riducendo il prezzo di iPhone 6 che passa a 669 euro ed il 6 Plus a 779 euro.

Prezzi a parte, solitamente alti e di cui ormai non ci stupiamo, dobbiamo ammettere che Apple è riuscita ad integrare il 3D Touch con il proprio ambiente in un modo in cui Google non avrebbe potuto fare con Android a causa della frammentazione eccessiva.

Quest'anno abbiamo avuto la prova di come l'azienda di Cupertino sia in grado di innovare ad alti livelli, e per innovare intendiamo il prendere tecnologie più o meno esistenti portandole ad un livello consumer che non considera gli utenti come beta taster, ma come soggetti da soddisfare mediante una usabilità ineguagliabile dal resto del mercato che inevitabilmente porta Apple al top negli indici di apprezzamento.

Ulteriori informazioni le potrete trovare al sito ufficiale raggiungibile tramite questo link.

Caratteristiche
comments powered by Disqus