McAfee: ecco i prodotti della linea 2017!

Software e digital life - Pubblicato il da Mattia Speroni

McAfee presenta la linea di prodotti pensati per la sicurezza degli utenti per i prossimi mesi (linea 2017): si punta su efficienza, elaborazione in cloud e sicurezza per più dispositivi siano essi mobile, PC, Mac o wearable!

McAfee e la linea prodotti consumer 2017.

Come la tecnologia evolve, evolvono anche le varie minacce che possono rappresentare un serio problema per l'utente: gli sviluppatori di antivirus e sistemi per la sicurezza informatica devono quindi rinnovarsi e rinnovare le proprie offerte e così ha fatto McAfee (società di Intel) che ha presentato la sua linea di prodotti per il 2017 che portano diverse novità puntando sul diventare più intuitivo a livello di interfaccia utente, più leggero per non appesantire l'elaborazione computazionale e infine sviluppando nuovi sistemi per l'individuzione di minacce in maniera precoce. Ecco cosa c'è da sapere sulla nuova suite consumer McAfee 2017!

mcafee

McAfee: i dati sull'evoluzione delle minacce nel 2016

Prima di addentrarci nell'offerta di McAfee per i prossimi mesi, la società ha voluto darci una panoramica su quelle che sono le problematiche e le minacce che hanno influenzato lo sviluppo dei software e la strategia della società. Come abbiamo scritto in apertura, così come il mondo della tecnologia è in continua evoluzione così in continua evoluzione sono le minacce per gli utenti e i numeri non lasciano spazio a dubbi! Per citare qualche cifra basti pensare che vengono scoperte dagli addetti alla sicurezza, tra cui le persone che lavorano nei McAfee Labs, circa 305 nuove minacce ogni minuto (pari a oltre 5 ogni secondo). A crescere maggiormente a livello percentuale sono i malware dedicati a Mac OS con il primo trimestre del 2016 (ultimi dati disponibili da McAfee) che ha visto un incremento del 533% mentre al secondo posto troviamo i malware dedicati ai sistemi mobile che hanno visto un incremento del 137% mentre si arriva al 120% quando si guarda ai ransomware e infine al 10% per quanto riguarda le violazioni di dati toccando quota 11,27 milioni di dati che sono stati trafugati da malintenzionati.

mcafee

McAfee GTI (acronimo di Global Threat Intelligence) è un'unità della società che elabora e cerca di scovare quelle che sono le minacce e i numeri a cui ha accesso sono molto interessanti. Basti pensare che McAfee GTI viene interrogato 49,9 miliardi di volte ogni giorno (quasi al livello di Facebook) ma non è finita qui, perché sono 5,8 milioni i file infetti inviati per un'analisi ogni ora mentre 4,3 milioni sono i tentativi di ingannare gli utenti con indirizzi (URL) fasulli e potenzialmente pericolosi mentre sono 1,8 milioni i tentativi di installare software malevolo e 500 mila i tentativi da parte dei clienti stessi di connettersi a indirizzi rischiosi. Ma i numeri non dicono tutto e alcuni esempi lampanti possono far capire come la sicurezza informatica sia un'affare serio: uno dei casi più recenti è la diffusione di Pokémon GO tra gli utenti e l'interesse per l'applicazione ha portato alcuni sviluppatori a creare applicazioni simili ma con intenti tutt'altro che ludici. Infatti con applicazioni del genere è possibile creare botnet, accedere al dispositivo per effettuare chiamate a numeri a pagamento senza consenso da parte dell'utente, installazione di software malevolo o indesiderato, invio di SMS, salvataggio di messaggi, avere informazioni aggiuntive sull'utente, monitoraggio tramite geolocalizzazione fino ad arrivare ad avere i permessi di root consentendo moltissime operazioni dannose.

pokémon-go-antivirus

Il quadro descritto da McAfee può essere più desolante? In parte sì considerando che ogni secondo 12 persone diventano vittime di un attacco informatico (e non solo un tentativo) e così sono un milione le vittime a livello globale ogni giorno portando a danni per 158 miliardi di dollari nel corso del 2015 con il 2016 che non sarà di certo da meno. L'utente può fare qualcosa per proteggersi? Si può iniziare, per esempio, dal rendere più difficile la vita agli aggressori evitando password scontate o facilmente intuibili grazie ad analisi di ingegneria sociale o attacchi "forza bruta" oltre ovviamente a comportanti corretti quando si naviga in Rete e utilizzare software che possa mettere al riparo l'utente da spiacevoli conseguenze.

McAfee: la linea prodotti Intel Security Consumer 2017

Quali sono quindi gli strumenti che McAfee ha messo a disposizione degli utenti consumer? Per ricapitolarli almeno inizialmente troviamo McAfee Antivirus, McAfee Antivirus Plus, McAfee Internet Security, McAfee Total Protection e McAfee Lifesafe. Uno degli elementi distintivi della nuova serie di prodotti per il 2017 è l'arrivo della nuova soluzione di analisi delle minacce tramite un servizio cloud che dovrebbe scongiurare anche quei software malevoli che ancora non sono stati analizzati e individuati (oltre a polimorfismi di soluzioni già note o il packing).

mcafee-cloud

Quello che succede nel cloud di McAfee con la funzionalità Real Protect è l'analisi del comportamento di un determinato software non rilevabile con i sistemi convenzionali all'interno di un sistema sicuro e delocalizzato rispetto al personal computer dell'utente: la velocità dipende dal tipo di minaccia, dal tipo di file e dalla connessione a Internet (infatti essendo un servizio basato su cloud sarà necessario essere connessi alla Rete). Il comportamento dell'eseguibile viene analizzato per un periodo compreso tra i 10 secondi e i 60 secondi monitorandone l'attività in base a schemi noti e se viene rilevato qualcosa di anomalo a quel punto l'utente verrà avvisato in locale. Questa nuova funzionalità non sostituisce l'analisi tramite firme che rimane disponibile, aggiornata e presente off-line ma permette di tamponare la situazione anche quando l'analisi del software malevolo non è ancora stata completata ed è stata implementata anche per sistemi Mac OS!

Cosa porta tutta questa tecnologia? Innanzittutto il client locale McAfee sul personal computer dell'utente potrà essere più leggero impattando meno sulle prestazioni del PC migliorando al contempo la durata della batteria. Cosa è cambiato tra McAfee 2016 e McAfee 2017? Stando ai dati forniti dalla società troviamo che il tempo di avvio è migliorato del 19%, il tempo di spegnimento è migliorato del 17%, la prima scansione completa del PC è del 41% più veloce, la scansione completa successiva è più veloce del 93%, l'utilizzo della CPU è sceso del 44%, aprire applicazioni è più rapido del 16% mentre il consumo della batteria è sceso del 25%. Il sistema di scansione è disponibile per la Mobile Security per Android arrivando a essere il 70% più veloce ottenendo ottimi risultati su AV-Test.

Come abbiamo detto in apertura, nella versione 2017 del software McAfee è stata alleggerita la fase di installazione riducendo i passaggi con l'interazione da parte dell'utente che è quasi non necessaria se non per controllare in che fase si è durante l'installazione. Questo dovrebbe consentire di installare il software anche a persone meno smaliziate in ambito tecnologico e consentendo di ampliare la protezione. Alcune delle altre novità di McAfee 2017 è la protezione WebAdvisor che rileva quando l'utente digita un URL non correttamente e, confrontandolo con una lista, consente di bloccare la pagina così da evitare di incorrere in spiacevoli conseguenze.

ios-mcafee

Non manca poi True Key, che permette di evitare di utilizzare password semplici o ripetitive grazie a una gestione avanzata e un generatore di password complesse integrato (con una varifica multi-fattoriale). Tra le novità della versione 2017 c'è la possibilità di reimpostare la master-password o password principale tramite una serie di passaggi virtualmente sicuri, importare password già utilizzate all'interno di browser o altri gestori di terze parti. I sistemi operativi supportati sono Windows, iOS, Mac e Android con i browser supportati sono Safari, Chrome e Firefox mentre possono essere sfruttati sistemi hardware come Intel Real Sense, Intel Protection Technology e Software Guard Extensions. Per quanto riguarda iOS, è arrivata l'app dedicata a iPhone e Apple Watch con la possibilità di vedere il livello di batteria di iPhone sul wearable, di far vibrare o lo smartphone o lo smartwatch per trovarlo più semplicemente fino a impostare un allarme che suoni quando l'iPhone dell'utente si allontana oltre una certa distanza (per evitare furti).

McAfee 2017: riassunto caratteristiche e prezzi

mcafee-2017-tab

McAfee e la linea prodotti consumer 2017
comments powered by Disqus