Razer Blackwidows Chroma V2 - Recensione

Multimedia - Pubblicato il da Pierpaolo Regnante

Oggi vi parliamo della tastiera meccanica Razer BlackWidow Chroma V2. L'ultima nata in casa Razer con switch meccanici green e la classica illuminazione RGB Chroma.

Caratteristiche.

Razer Blackwidow Chroma V2 è l'ultima tastiera da gaming presentata dalla famosa azienda produttrice di periferiche Razer. In questa recensione andremo a vedere le caratteristiche principali di questa nuova tastiera meccanica dotata (nella nostra versione) di Switch Green, poggiapolsi, tasti macro e l'immancabile illuminazione RGB Chroma!

Razer Blackwidow Chroma V2 - Recensione

Erede di una serie molto apprezzata dai gamer in tutto il mondo, la Razer Blackwidow Chroma V2 è l'ultima tastiera meccanica presentata da Razer proposta con Switch Green, Orange e Yellow. I tasti meccanici, inizialmente prodotti da una terza azienda per conto di Razer, sono stati negli anni progettati da zero e resi molto competitivi in termini di qualità con i tanto blasonati Switch Cherry. Il modello fornitoci adotta gli Switch Green, praticamente identici ai Cherry MX Blue, caratterizzati entrambi da un feedback sonoro e tattile molto accentuato, molto simile a quello di una macchina da scrivere.

La Razer Blackwidow Chroma V2 è, come tutte le versioni precedenti, una tastiera imponente e pesante che restituisce una sensazione di solidità e stabilità difficilmente ritrovabile in prodotti della concorrenza, una volta appoggiata sulla scrivania spostarla involontariamente sarà praticamente impossibile e questa caratteristica la si apprezza particolarmente durante sessioni di gioco competitive e molto intense. Come si nota dalla precedente immagine questa versione è stata dotata di un poggiapolsi in simil-pelle molto morbido che allevia il carico sui polsi, consentendoci di giocare a lungo senza fastidi di alcun tipo dovuti dall'inclinazione della mano rispetto la tastiera. 

Il poggiapolsi, per chi non lo trovasse comodo, è comunque staccabile e viene tenuto in posizione da dei magneti che non compromettono l'estetica quando si utilizza la tastiera senza l'accessorio.

Sul fianco destro della Razer Blackwidow Chroma V2 troviamo poi una porta USB ed un connettore per Jack audio da 3.5 millimetri utili a collegare cuffie o chiavette USB senza dover raggiungere il PC posizionato magari sotto la scrivania.

Sul lato sinistro della tastiera troviamo poi 5 tasti macro programmabili, i quali possono essere configurati a piacimento mediante il software Razer Synapse.

 

Sempre tramite il software Razer dedicato alla gestione delle proprie periferiche è poi possibile modificare l'illuminazione della tastiera scegliendo tra i diversi effetti disponibili. Sarà possibile scegliere tra ben 7 effetti diversi, oltre che adottare profili predisposti per giochi FPS, MMO, MOBA, RTS o giochi molto diffusi come League of Legends, Dota 2, Counter Strike e Starcraft. Dobbiamo ammettere che a livello di retroilluminazione le tastiere Razer sono una spanna sopra la concorrenza, grazie a LED dedicati per ogni tasto capaci di riprodurre 16.8 milioni di colori.

Per quanto concerne gli switch, la versione Green della Razer corrisponde alla controparte Cherry MX Blue che ben soddisfa le necessità di quei gamer che vogliono un feed evidente sia sotto il profilo tattile che quello sonoro. Tale configurazione rende però la tastiera poco discreta in termini sonori e la rende impossibile da usare in ambienti dove il silenzio è un requisito indispensabile. Fortunatamente la Razer Blackwidow Chroma V2 è disponibile anche con Switch Orange, con feedback tattile ma silenzioso, e Switch Yellow, con una resistenza alla pressione praticamente nulla e silenziosità massima.

?

Parlando di Razer non si possono non menzionare le specifiche tecniche all'avanguardia per quanto riguarda le proprie periferiche, questa Blackwidow infatti è dotata di rollover da 10 tasti con funzione anti-ghosting, registrazione macro-on-the-fly, ultrapolling da 1000hz e una resistenza dei tasti che si traduce in 80 milioni di attauzioni.

Razer Blackwidow Chroma V2 - Specifiche Tecniche

  • Tasti meccanici Razer™ con forza di attuazione da 50 g
  • Durata: 80 milioni di attuazioni
  • Retroilluminazione Chroma da 16.8 milioni di colori
  • Compatibilità Razer Synapse
  • Rollover da 10 tasti con funzionalità anti-ghosting
  • Tasti completamente programmabili con registrazione macro on-the-fly
  • Tasti completamente programmabili con registrazione macro on-the-fly (al volo)
  • Opzione modalità gioco
  • Audio-out/mic-in jacks
  • Pass-through USB
  • Ultrapolling 1000 Hz
  • Cavo in fibra intrecciata
  • Dimensioni: 475mm x 171mm x 39mm
  • Peso: 1500g

Razer Blackwidow Chroma V2 - Conclusioni

Avendo provato diversi modelli appartenenti alla serie Blackwidow non possiamo che ritenerci soddisfatti da questa ultima Razer Blackwidow Chroma V2, degna erede di una serie di successo in grado di soddisfare i gamer più esigenti. L'illuminazione dei tasti è ipnotica, il feedback tattile restituito dagli Switch Green ricorda tanto una macchina da scrivere e non lascia mai dubbio sull'effettiva pressione del tasto. La tastiera è molto stabile, sulla scrivania non si sposta di un millimetro grazie soprattutto al corpo metallico che le dona solidità. Abbiamo particolarmente apprezzato il poggiapolsi, capace di rilassare l'articolazione ed evitare effetti indesiderati come l'indolenzimento causati dall'utilizzo prolungato di tastiere molto alte.

Nel complesso possiamo dire che questa Razer Blackwidow Chroma V2 è una delle migliori tastiere meccaniche in commercio, gli switch Razer sono migliorati moltissimo nel tempo arrivando ad un livello di qualità molto alto. Queste caratteristiche vengono rispecchiate anche dal prezzo, anch'esso importante e che sfiora i 200 euro e che riteniamo forse un po' troppo alto nonstante l'indubbia qualità del prodotto.

Ringraziamo Razer per il sample ricevuto ed assegniamo il nostro award "Gold Performance" da 4 stelle su 5, sottolineando che la stella mancata è solo a causa di un prezzo forse troppo alto in termini assoluti.

Caratteristiche
comments powered by Disqus