Recensione Kingston HyperX Predator 480GB

Memorie e storage - Pubblicato il da Tommaso Morosini

Kingston presenta il nuovo SSD HyperX Predator M.2 con prestazioni in lettura superiori al GB/s.

Prova e Considerazioni.

Dopo la battuta d’arresto prestazionale con gli SSD Sata 3, fermi da un bel po’ di tempo sui fatidici 550MB/s che la connessione Sata può dare, il mercato sta puntando sempre di più su un formato storage SSD che utilizzi la connessione PCi-Ex per ovvi motivi prestazionali.

Fin’ora abbiamo visto più di qualche produttore proporre soluzioni PCi-Ex su scheda dedicata ma con costi non certo contenuti, e con notevoli problemi dovuti a controller non all’altezza delle prestazioni richieste e notevoli problemi a rendere avviabili questi drive. La soluzione arriva con lo standard M.2, creato soprattutto per la parte notebook ma attualmente rintracciabile anche su molte mainboard high-end. La connessione M.2 sfrutta il bus PCi-Ex ed offre una banda passante molto ampia, soprattutto nell’ultima integrazione che usa ben 4 linee PCi-Ex. Adesso, dunque, sta ai produttori creare controller e prodotti capaci di sfruttare questa nuova interfaccia.

Tra i primi c’è sicuramente Kingston che con i suoi nuovi SSD HyperX Predator ci propone le prime soluzioni compatibili con lo slot M.2 4X e controller Marvell 88SS9293 capace di prestazioni decisamente interessanti. Questi nuovi SSD Predator stando a quanto dichiarato da Kingston dovrebbero regalare prestazioni in lettura superiori al GB/s.

Kingston vende il proprio SSD HyperX Predator in 2 formati: il solo SSD in formato M.2 per chi ha integrato nella mainboard lo slot apposito, o con un supporto discreto PCi-Ex per poterlo inserire su uno slot libero.
Teoricamente l’utilizzo dello slot PCi-Ex dovrebbe essere la connessione più diretta possibile alla CPU, rispetto allo slot M.2 che raramente è connesso direttamente al processore, e come si vede dai dati di targa le prestazioni in scrittura su slot PCi-Ex dovrebbero essere maggiori.

L’SSD si presenta in un formato M.2 2280 – la lunghezza media – con 8 package NAND Toshiba A19 divisi sulle due facce del PCB, con controller Marvell 88SS9293 e con 1GB di RAM DDR3 per questa versione da 480GB da noi testata. La più grande al momento disponibile in attesa dell’arrivo della versione da 960GB.

Il sistema utilizzato per i test:

I test

ATTODisk

CrystalDiskMark 4.0

AsSSD

Anvil SSD

Tutti i test sono stati effettuati utilizzando la connessione M.2 della mainboard che presumibilmente sarà quella più utilizzata visto che permette di non perdere slot PCi-Ex per eventuali configurazioni multischeda.

Come possiamo vedere dai test, tra l’altro molto omogenei tra loro, abbiamo prestazioni decisamente entusiasmanti se paragonate ai soliti SSD Sata 3, con prestazioni in lettura abbondantemente sopra il GB/s e con prestazioni in scrittura che stanno a circa 1GB/s a seconda del test.

Sono prestazioni decisamente elevate, che probabilmente verranno aumentate con le nuove connessioni NVMe che stanno arrivando sul mercato ma a prezzi al momento più elevati.

Se siete in cerca di un SSD performance, dove la parola performante implichi il far impallidire un SSD Sata 3, questo Predator è sicuramente un'ottima scelta ad un prezzo si importante, ma in linea con le prestazioni che offre.

Su Amazon, shop che ultimamente usiamo molto come riferimento, possiamo trovare il Kingston HyperX Predator con adattatore e taglio da 240GB a circa 240€, mentre il taglio da 480GB usato per il test a circa 460€. I prezzi delle versioni senza adattatore variano di pochi €.

L’integrazione dell’OROM rende sicuramente flessibile nell’utilizzo il Predator che non ha nessun problema a essere avviato come disco principale – cosa non del tutto scontata con altre proposte M.2 – facendo si che l’SSD sia un prodotto plug-and-play al pari di altri SSD Sata. All’interno della confezione troviamo anche una comodissima copia scaricabile di Acronis True Immage per trasferire i dati dal disco attuale all’SSD Kingston.

Diamo quindi un ottimo giudizio di 4.5 stelle su 5 al Kingston HyperX Predator 480GB.

Ringraziamo Kingston per averci fornito il sample oggetto del test.

Prova e Considerazioni
comments powered by Disqus