Risultati fiscali di Apple del Q2 2018: bene i servizi, meno bene l’hardware

0

Nella serata (ora italiana) di ieri sono stati annunciati i risultati fiscali di Apple del Q2 2018 (secondo trimestre dell’anno) che si è concluso il 31 Marzo 2018. Secondo quanto riportato dalla società di Cupertino, il fatturato dei tre mesi è stato pari a 61,1 miliardi di dollari, pari a un aumento del 16% anno-su-anno.

Sempre nei risultati fiscali di Apple è stato anche annunciato un utile trimestrale di 2,73 dollari per azione diluita (ossia una crescita del 30%). Come sempre a farla da padrone sono state le vendite internazionali che hanno rappresentato il 65% del fatturato trimestrale.

Apple ha anche diffuso le aspettative per il terzo trimestre 2018 (Q3 2018) che comprendono:

  • un fatturato fra i 51,5 miliardi di dollari e i 53,5 miliardi di dollari
  • margine lordo fra il 38% e il 38,5%
  • spese operative fra i 7,7 miliardi di dollari e i 7,8 miliardi di dollari
  • altre entrate/(spese) di 400 milioni di dollari
  • aliquota fiscale del 14,5%

Ma non è finita qui, perché con i risultati fiscali di Apple per questo Q2 2018 si può anche andare a vedere l’andamento delle vendite dei singoli settori della società statunitense come riportato nella tabella qui di seguito.

Come si può vedere, per quanto riguarda iPhone troviamo un incremento del 3% nelle unità vendute (anno su anno) pari a 52,2 milioni di smartphone con un incremento dei guadagni fino al 14% dovuto all’innalzamento del prezzo medio anche per via di iPhone X.

Andando invece a guardare gli iPad, grazie all’arrivo della serie Pro c’è stata un’inversione di tendenza considerando che in generale e nei precedenti risultati fiscali di Apple era stato mostrato un calo generale da diverso tempo. I computer e notebook Mac invece soffrono ancora la concorrenza con un -3% a livello di unità vendute (pari a circa 4,1 milioni) e senza alcun incremento degli introiti.

Importante è notare la parte dei servizi correlati che ha visto un passaggio da 7 miliardi dello stesso periodo del 2017 a circa 9,2 miliardi quando solamente nel Q1 2018 erano 8,4 miliardi di dollari. Questo ancora una volta certifica come Apple ponga sempre più attenzione ai servizi e non solo alla parte hardware.

Tim Cook (CEO di Apple) ha dichiarato “siamo entusiasti di annunciare il nostro miglior trimestre di marzo di sempre, con una forte crescita dei ricavi per quanto riguarda iPhone, Servizi e Wearables. I clienti hanno scelto iPhone X più di qualsiasi altro iPhone in ogni settimana del trimestre di marzo, proprio come hanno fatto dopo il suo lancio nel trimestre di dicembre. Inoltre, abbiamo incrementato i ricavi in tutti i nostri segmenti geografici, con una crescita superiore al 20% in Greater China e in Giappone”.