La societā taiwanese, che ha 1,2 milioni di dipendenti in Cina, ha ammesso che nei suoi stabilimenti lavorano studenti al di sotto dell'etā legale per poterlo fare (che č di 16 anni).

Link: Foxconn ammette lo sfruttamento minorile in Cina