Ars Technica ha pubblicato un articolo dedicato alle novità grafiche previste per Hardy Heron, di cui Matteo aveva già rivelato qualcosa in occasione della presentazione della roadmap. Il piatto forte è sicuramente la decisione di abbandonare il caratteristico colore marrone in favore di una combinazione nero / arancione, resa popolare del look del Neo1973.

Come accaduto per Ubuntulooks, il nuovo tema si evolverà durante l’intero ciclo di sviluppo di Hardy e richiederà una precisa progettazione per garantire che tutte le sue componenti siano completate in tempo per il rilascio: lo sviluppo dell’engine GTK, per esempio, dovrà iniziare prima del processo di design. Con molta probabilità non si procederà con la creazione di un nuovo engine ma, come già per Ubuntulooks e più di recente per Fedora 8, si modificherà qualcosa di esistente. I candidati sono Clearlooks e Murrine.