Xiaomi Redmi Note 5 Pro: il debutto di Snapdragon 636

1

Xiaomi Redmi Note 5 Pro è il nuovo smartphone di fascia media del produttore cinese che richiama nel design iPhone X (quantomeno per la fotocamera posteriore). Questo modello porta al debutto il SoC Qualcomm Snapdragon 636 che va a sostituire Snapdragon 630 che è stato impiegato in diversi modelli di fascia media lo scorso anno.

Xiaomi Redmi Note 5 Pro

Il nuovo Xiaomi Redmi Note 5 Pro, oltre al SoC di Qualcomm ha anche 4 GB e 64 GB di spazio di storage oppure 6 GB di RAM e 64 GB di spazio di storage così da accontentare anche gli utenti più esigenti. Lo schermo frontale ha una diagonale di 5,99″ con una risoluzione FHD+ pari a 2160 x 1080 pixel.

Tornando a parlare di Qualcomm Snapdragon 636 troviamo otto core con frequenza di 1,8 GHz basato su core personalizzati dal produttore chiamati Kryo 260 che dovrebbero fornire prestazioni interessanti e un consumo di energia ridotto a tutto vantaggio dell’autonomia. La GPU invece è una Adreno 509 che fornisce prestazioni nella media.

Xiaomi Redmi Note 5 Pro ha poi una batteria da 4000 mAh di capacità che non è sostituibile dall’utente. Nella zona posteriore ci sono due fotocamere da 12 MPixel di risoluzione e 5 MPixel di risoluzione con la seconda che consente di realizzare effetti bokeh in hardware grazie alla rilevazione della profondità della scena e del soggetto. L’apertura dei due obiettivi è pari a f/2.2 e f/2.0 rispettivamente mentre la fotocamera anteriore ha una risoluzione di 20 MPixel ed è presente anche un flash LED per illuminare la scena.

Il sistema operativo di Xiaomi Redmi Note 5 Pro è Android 7.1 Nougat con l’interfaccia personalizzata da parte del produttore mentre il prezzo è di 220 dollari per la versione base e di 265 dollari per la versione più evoluta.