CoolChip scrive il futuro dell'air cooling

Overclock & Cooling - Pubblicato il da Alessandro Cester

CoolChip mostra l'anteprima di un propotipo di dissipatore che potrebbe rivoluzionare il nostro modo di pensare l'air cooling

Nel settore dei sistemi di dissipazione di calore ci siamo abituati a vedere di tutto, eppure grandi innovazioni sembrano essere impossibili in un mercato dominato da soluzioni ad aria e soluzioni a liquido. Allo stato attuale delle cose, nonostante la grande diffusione dei kit all-in-one di raffreddamento a liquido, i dissipatori ad aria sono ancora i più diffusi e ogni azienda propone la sua ricetta per il miglioramento delle prestazioni con ventole più veloci o corpi radianti più voluminosi, tecnologie ibride o celle di Peltier senza tuttavia immettere sul mercato nulla di rivoluzionario. CoolChip Technologies è una startup del Massachusetts che promette di reinventare completamente il modo in cui è concepita la dissipazione del calore e l'idea alla base del progetto è in realtà piuttosto semplice: piuttosto che utilizzare una ventola a stretto contatto con un radiatore che abbia il mero compito di soffiare aria per disperdere il calore, perchè non trasformare anche la ventola in un dissipatore?

CoolChip scrive il futuro dell'air cooling tecnologia KTC

La proposta di CoolChip è quella di utilizzare le ventole in modo efficace per migliorare l'efficienza di raffreddamento, realizzandole in metallo secondo un approccio definito Kinetic Cooling Technology o KTC: il calore proveniente dal chip viene trasferito attraverso una base in rame completamente liscia e priva di alette sopra cui, alla distanza di pochi micron, è fissata una ventola metallica che assorbe il calore per convezione, attraverso il moto rotativo della ventola il calore viene quindi disperso nell'aria, migliorando le temperature in modo significativo.

CoolChip scrive il futuro dell'air cooling tecnologia KTC

Ovviamente non è tutto oro quel che luccica e la tecnologia KTC sviluppata da CoolChip comporta una serie di svantaggi al momento difficilmente trascurabili. La realizzazione tecnica di un sistema di questo tipo presuppone macchinari di alto livello capaci di lavorare nell'ordine di grandezza dei micron, con costi di produzione elevati. Senza contare che un dissipatore di questo genere potrebbe essere facilmente danneggiato da un utilizzo maldestro, un urto, un errato montaggio. Ciononostante KTC rimane una tecnologia molto interessante e virtualmente molto efficiente, al punto che CoolChip sembra aver incassato l'interesse di Microsoft Cooler Master. Un video dimostrativo è visionabile a questo indirizzo.

comments powered by Disqus