Deutsche Bank: gli analisti sono troppo fiduciosi su iPhone X

Smartphone e tablet - Pubblicato il da Mattia Speroni

Deutsche Bank in una nota di un'analista ha dichiarato come le aspettative per il ciclo iPhone 8/ iPhone X siano troppo alte da parte degli analisti e degli investitori e questo potrebbe comportare alcune problematiche nel prossimo futuro.

Sembra che le vendite iniziali di iPhone 8 e iPhone 8 Plus non siano state proprio brillanti ma con il ritardo nella commercializzazione di iPhone X da parte di Apple per via di problemi produttivi legati a Face ID proprio gli altri due modelli potrebbero trarne vantaggio. Deutsche Bank però ha voluto aggiungere una nota a questo quadro dichiarando come il rating atteso per le azioni di Apple sia troppo alto rispetto a quanto potrebbero essere realmente nel prossimo futuro.

iphohe-x

Sherri Scribner, analista di Deutsche Bank, ha scritto in una nota "siamo preoccupati che le aspettative degli investitori per il ciclo di iPhone 8 / X siano più ottimistiche che realistiche. Le aspettative sono un prezzo più alto che Apple può masticare". Sembra dunque che gli analisti pensino che ci possa essere un modesto rischio di un decremento del prezzo azionario nel prossimo periodo per Apple nonostante la società sia ancora quella con la più alta capitalizzazione di mercato e che attualmente regga bene il colpo dell'incertezza produttiva. Il titolo (AAPL) ha perso qualcosa come 50 miliardi di dollari di valore nel mese di Ottobre, con un calo del 6%.

Sempre stando all'analista il prezzo si dovrebbe assestare intorno ai 140 dollari ad azione contro i circa 155 dollari che fa segnare attualmente. Ovviamente su un numero così grande di azioni anche solamente 15 dollari in meno sono molti soldi, che potrebbero fare la fortuna di molte altre società. Sempre stando a Deutsche Bank sarà improbabile che la società di Cupertino riesca a vendere 290 milioni di iPhone durante questo anno fiscale o 45 milioni di unità nel corso del trimestre fiscale, ma il peggio potrebbe accadere nel 2019 quando le perdite saranno ancora superiori.

comments powered by Disqus