Enermax LIQMAX II 120S e 240, si rinnova la seconda generazione di impianti all-in-one

Overclock & Cooling - Pubblicato il da Alessandro Cester

Enermax presenta la sua seconda generazione di impianti a liquido all-in-one, dedicati a processori Intel ed AMD. LIQMAX II 120S e LIQMAX II 240 potranno dissipare fino a 350 Watts di TDP!

Il mondo dei sistemi di raffreddamento è in evoluzione costante, specialmente per quanto riguarda le soluzioni all-in-one. Enermax ha presentato LIQMAX II, rinnovando la serie precedente con due nuovi modelli. LIQMAX II 120S e LIQMAX II 240 sono due sistemi a liquido particolarmente flessibili, adatti al montaggio sia su piattaforme Intel che AMD su tutti i più recenti socket, capaci di dissipare notevoli quantità di calore. Come suggerisce la nomenclatura scelta da Enermax siamo in presenza di un modello con radiatore da 120 mm ed uno da 240 mm, rispettivamente chiamati LIQMAX II 120S e 240, entrambi dotati di ventole regolabili la cui velocità può essere gestita grazie alla tecnologia APS con step a 500-1200/1600/2000 RPM. Il particolare design delle pale inoltre contribuisce ad ottenere un aumento sostanzioso del volume d'aria in immissione, con una pressione più elevata al fine di penetrare meglio nel radiatore e dissipare con più efficacia il calore prodotto dal processore.

Enermax LIQMAX II 120S e LIQMAX II 240

Enermax LIQMAX II 120S e LIQMAX II 240 sono entrambi dotati della tecnologia SCT Shunt Channel Technology applicata alla base di contatto, capace di aumentare l'efficienza dello scambio termico tra la base del water block ed il liquido refrigerante. La pompa, di tipo ceramico, ha un'aspettativa di vita di ben 50000 ore, è estremamente silenziosa ed ha una grande resistenza alla corrosione. Nel bundle di LIQMAX II 120S e LIQMAX II 240 è presente inoltre la pasta termica Dow Corning TC-5121. Ancora non sono stati annunciati i prezzi, quel che è certa è la disponibilità sul mercato a partire dalla metà di dicembre.

Enermax LIQMAX II 120S e LIQMAX II 240

comments powered by Disqus