Galaxy Note 8: lo schermo sarà sensibile alla variazione di pressione

Smartphone e tablet - Pubblicato il da Mattia Speroni

Galaxy Note 8 avrà un display che riuscirà a rilevare la differenza di pressione come per Galaxy S8. Le ultime novità sul phablet Android che sarà presentato tra qualche giorno!

Samsung Galaxy Note 8 potrebbe avere uno schermo sensibile alla differenza di pressione come per Galaxy S8 così da non far rimpiangere la scomparsa dei pulsanti fisici frontali considerando il design che sarà senza bordi e che si affiderà ancora una volta ai pulsanti virtuali integrati nell'interfaccia di Android. Non si tratta di una novità eclatante in quanto c'era da aspettarsi la possibilità che questa features fosse portata dallo smartphone al phablet.

galaxy-note-8

A rivelare questa ultima novità è stato un sito coreano che avrebbe però poco altro da aggiungere a quanto si sa già su Samsung Galaxy Note 8 compresa la presenza di uno schermo anteriore da 6,3" di diagonale leggermente superiore rispetto a quello di Galaxy S8+ che invece arriva a 6,2". Quello che cambierebbe sarebbe però la presenza di bordi meno arrotondati e più squadrati e cornici che potrebbero essere ancora più sottili nella zona inferiore anche se su questo dettaglio c'è ancora un po' di diffidenza per quanto riguarda la veridicità.

Sempre Samsung Galaxy Note 8 dovrebbe avere una batteria da 3300 mAh che dovrebbe garantire una buona autonomia mentre ci sarà spazio per una doppia fotocamera posteriore con uno zoom ottico che potrebbe essere 2X o addirittura 3X in grado così di ribattere all'offerta di Apple con iPhone 7s Plus (e l'attuale iPhone 7 Plus) oltre che alle soluzioni Android come OnePlus 5 e i nuovi Asus Zenfone 4. Al suo interno troveremo poi un SoC Exynos 8895, ossia lo stesso di Galaxy S8 ma questa volta affiancato da 6 GB di RAM mentre sarà lanciata una versione particolare con 8 GB di RAM e 256 GB di spazio di storage che però probabilmente sarà solo presente in mercati come quello sud-coreano o cinese.

comments powered by Disqus