Google Pixel 2 XL: nuovi render definitivi!

Smartphone e tablet - Pubblicato il da Mattia Speroni

Google Pixel 2 XL si mostra in nuovi render che ne mettono in luce il frontale con lo schermo da 6" con angoli arrotondati e un doppio sistema di casse frontali stereo.

Google Pixel 2 XL sarà presentato insieme al fratellino Google Pixel 2 durante l'evento del 4 Ottobre per rinnovare la gamma di prodotti nel portafoglio degli smartphone del produttore di Mountain View che lancerà così un nuovo corso grazie all'arrivo di nuovi formati ma anche a un costo un po' più alto rispetto al passato. Non è ancora chiaro se Google Pixel 2 XL sarà lanciato anche in Italia e probabilmente molto dipenderà anche dalle rese produttive dei nuovi modelli e dall'investimento che la società vorrà fare in termini pubblicitari (si parla di milioni di dollari).

google-pixel-2-xl

Ora emergono, grazie a Evan Blass, nuovi render di Google Pixel 2 XL che in un caso ha una cover protettiva mentre nell'altro è invece senza cover facendo capire meglio come sarà il frontale. Considerando la fonte, la qualità delle immagini e il lancio prossimo del prodotto la genuinità di questo render è praticamente certa. Detto questo si può notare come si sia scelto di aumentare un po' le cornici intorno al display per integrare due speaker anteriori stereo che saranno presenti anche sul modello più piccolo mentre gli angoli sono arrotondati come nel caso di LG G6 e LG V30.

Google Pixel 2 XL avrà uno schermo con diagonale di 6" con risoluzione QHD/2K mentre all'interno ci sarà un SoC Qualcomm Snapdragon 835, una GPU Adreno 540, 4 GB di RAM e 64 GB (con un prezzo di 849 dollari) e 128 GB (con un prezzo di 949 dollari). Non è chiaro se la versione XL avrà bordi sensibili al tocco considerando che quella tecnologia è stata impiegata da HTC e che sarà presente nella versione più piccola mentre posteriormente non ci dovrebbero essere novità considerando che non ci saranno dual-camera ma una "semplice" fotocamera migliorata rispetto ai precedenti Pixel.

comments powered by Disqus