Instagram: annunciate le funzionalità offline

Smartphone e tablet - Pubblicato il da Mattia Speroni

Instagram per Android aggiunge alcune funzionalità off-line per permettere agli utenti di modificare o eseguire alcune operazioni anche in assenza di connettività Internet.

Instagram per Android ha ora una nuova funzionalità: infatti, anche se in maniera limitata, il social network basato su immagini supporterà (ora in funzione beta, in futuro ufficialmente per tutti) la possibilità di avere alcune funzioni funzionanti anche senza connettività Internet attiva. Questo è solo un piccolo passo che è stato annunciato durante la conferenza dedicata agli sviluppatori e organizzata da Facebook (proprietario di Instagram).

instagram

Come abbiamo detto attualmente si tratta di una dimostrazione presente nella versione beta dell'applicazione Instagram per Android e le funzionalità che possono essere utilizzate senza connettività sono molto limitate e comunque relativamente utili. Secondo quanto dichiarato da Hendri (ingegnere di Instagram) gli utenti, anche quando saranno offline, potranno visualizzare i contenuti caricati in precedenza nel feed del social network ma non solo, infatti potranno lasciare commenti, "mi piace", salvare i contenuti o smettere di seguire account.

Una volta che l'utente tornerà online le informazioni e le azioni fatte durante la disconnessione saranno rese attive. Sarà possibile anche visitare i profili degli utenti visitati in precedenza ma anche il proprio profilo e la scheda "esplora" ovviamente non aggiornata. La scelta è stata dettata dalla voglia di Instagram di crescere in paesi in via di sviluppo in cui la connettività dati è ancora scarsa e costosa permettendo comunque agli utenti di gestire parte delle operazioni sul social network (non è un caso che il sistema operativo scelto sia Android). La strategia segue quella del lancio di Facebook lite che permette di godere di parte di funzionalità del social network ma con minori funzioni rispetto alla versione completa.

comments powered by Disqus