Apple iPhone X: altri analisti confermano le difficoltà

Smartphone e tablet - Pubblicato il da Mattia Speroni

Apple iPhone X: ci sono ancora difficoltà produttive per il modulo di Face ID e gli analisti tagliano le prospettive di vendita dello smartphone di Cupertino.

Apple iPhone X è uno degli smartphone più attesi di quest'anno (e forse anche dello scorso anno) ma le difficoltà produttive per il nuovo sistema Face ID potrebbero minare la prima parte di consegne delle unità per il lancio iniziale fissato per il 3 Novembre in alcune nazioni con preordini che saranno aperti alla fine del mese di Ottobre 2017. Secondo quanto riportato da giornale finanziario Nikkei, Apple iPhone X avrebbe ancora problemi con il proiettore di punti che è uno degli elementi chiave del sistema.

apple-iphone-x

La realizzazione di Face ID e del sistema TrueDepth di Apple iPhone X è stata particolamente complicata non sono in termini di sviluppo, ma a quanto pare anche in termini di realizzazione della componentistica in volumi tanto da far propendere gli analisti per un calo sensibile delle vendite stimate inizialmente per via della carenza di unità al momento del lancio effettivo del nuovo smartphone (quindi non sarà solo il prezzo alto a limitarne la vendita agli utenti, considerando che in Italia si parte da quasi 1200 euro e si arriva a sfiorare i 1400 euro per la versione più costosa e con maggiore capacità di memoria).

Secondo alcui analisti (per esempio Jeff Pu di Yuanta Investment Consulting) le unità di Apple iPhone X spedite quest'anno non saranno più 40 milioni ma bensì 36 milioni, andando a influenzare anche la quotazione azionaria della società di Cupertino che basa ancora molto del suo business e del suo valore sulla riuscita nelle vendite di iPhone. Le ripercussioni si sono fatte sentire però anche su partner strategici di Apple come TSMC e Foxconn che, rispettivamente, producono il SoC e assemblano le componenti, facendone calare il valore di qualche punto percentuale (che però vale milioni di dollari).

comments powered by Disqus