OnePlus: dichiara lo stop alla raccolta dati degli utenti!

Smartphone e tablet - Pubblicato il da Mattia Speroni

OnePlus ha dichiarato che fermerà la raccolta di dati degli utenti aggiornando la procedura guidata di configurazione (dove l'utente potrà scegliere) oltre a interrompere definitivamente la raccolta di alcuni dati nello specifico.

Qualche giorno fa è emerso come OnePlus, società nota per i suoi smartphone dall'ottimo rapporto qualità/prezzo, avesse iniziato da molto tempo a raccogliere diverse tipologie di dati dagli utenti senza informarli correttamente su cosa ci facesse o quali fossero esattamente le informazioni di cui OnePlus sarebbe venuta a conoscenza. Tra i dati inviati senza consenso esplicito troviamo codice IMEI, indirizzo MAC, nomi delle reti mobile i prefissi IMSI, codici seriali, quali applicazioni vengano aperte o chiuse e quando e infine quando un telefono viene bloccato o sbloccato.

oneplus-5

In Rete si è sollevata subito una protesta per capire meglio cosa stava succedendo e OnePlus ha inizialmente minimizzato dicendo che le infofmazioni raccolte venivano utilizzate per migliorare l'esperienza utente ma che era comunque possibile interrompere lo scambio di dati con il server di OnePlus (possieduto da Amazon con l'infrastruttura business Amazon AWS). Ora la società cinese ha aggiunto un altro tassello alla vicenda dichiarando che ci sarà lo stop alla raccolta dati con un post sul forum ufficiale di OnePlus. Ecco cosa è stato scritto:

entro la fine di Ottobre, tutti i telefoni OnePlus che utilizzano OxygenOS avranno un prompt nella procedura guidata di configurazione che chiede agli utenti se vogliono unirsi al nostro programma di esperienza utente. La procedura guidata di configurazione indicherà chiaramente che il programma raccoglie le analisi di utilizzo. Inoltre, includeremo un accordo di termini di servizio che spiega ulteriormente la nostra raccolta di analytics. Vorremmo anche dirvi che non raccoglieremo i numeri di telefono, indirizzi MAC e informazioni Wi-Fi.

comments powered by Disqus