Samsung: nel 2018 arriveranno i SoC a 7 nm!

Processori - Pubblicato il da Mattia Speroni

Samsung è pronta a realizzare SoC con processo produttivo avanzato che sarà disponibile sia per i processori dedicati alla linea di smartphone Galaxy ma che potrebbe interessare anche gli smartphone Apple iPhone.

Samsung ha superato Intel per quanto riguarda la fornitura di processori (in vari ambiti) grazie alla sua divisione specializzata, ma ovviamente non si vuole fermare e il futuro si prospetta decisamente interessante. Secondo quanto dichiarato dalla società stessa, proprio in questi giorni è stato ufficializzato l'arrivo del processo produttivo a 11 nm di tipo FinFET (11 nm LPP, Low Power Plus) disponibile per tutti i clienti della società che vorranno usufruirne. Ma non è finita qui!

Galaxy-S8-SoC

La società sud-coreana ha annunciato anche che grazie al passaggio dai 14 nm ai 11 nm si potrà avere fino al 15% in più di prestazioni e fino al 10% per quanto riguarda la diminuizione dei consumi. Il nuovo processo produttivo a 11 nm LPP arriverà nella prima parte del 2018 probabilmente in testing su soluzioni come la serie Galaxy A 2018 così da evitare complicazioni con chip con strutture particolarmente complesse come quelle della fascia alta di mercato (attualmente occupata da Galaxy S8 e Galaxy Note 8, mentre in un futuro prossimo toccherà a Galaxy S9 che sarà presentato indicativamente ad Aprile 2018).

Samsung sta inoltre sviluppando il nuovo processo produttivo a 7 nm LPP con litografia EUV (extreme ultra violet) che dovrebbe arrivare nella seconda metà del 2018 pronta per la nuova serie di iPhone considerando che Samsung potrebbe essere uno dei fornitori di Apple A12. ", Ryan Lee (Vice Presidente e responsabile del marketing delle fonderie presso Samsung Electronics) ha dichiarao "Samsung ha aggiunto il processo 11 nm alla nostra roadmap per offrire opzioni avanzate per diverse applicazioni. Attraverso questo, Samsung ha completato un percorso globale di processo tra 14nm e 11nm, 10nm, 8nm e 7nm per i prossimi tre anni".

comments powered by Disqus